parallax background

Suono per svuotare la mente e sorridere

Prova a pensare positivo
Maggio 5, 2020
Spaghetti con pomodori rossi e gialli
Spaghetti con pomodori rossi e gialli
Maggio 11, 2020

Suono per svuotare la mente e sorridere

di Gianfranco Palazzo

"C hi l’avrebbe mai detto che saremmo arrivati a questa punto.

Nessuno di noi avrebbe mai puntato nemmeno uno di quei centesimi di bronzo che tanto ci danno fastidio nelle tasche.
Eppure se l’avessimo fatto su una cosa avremmo vinto, ovvero sulla nostra reazione davanti ad un momento utopico che ahimè non ha rispettato la sua definizione.

Eh già, la nostra reazione come genere umano dinanzi ad una realtà simile è stata immensa.
Nonostante ogni nostro giorno sia contornato da immagini forti e da notizie che fino ad ora vedevamo lontano anni luce o come parte di una realtà immaginaria che solo un film ci avrebbe mai potuto regalare, ci siamo fatti trovare pronti in tutto.

Al di la del non poter uscire di casa ci siamo resi conto di come anche le piccolezze e le cose banali possano dare e fare tanto quando il momento non è dei migliori.

Se solo pensiamo al fatto che dai balconi delle nostre case con solo una chitarra, un clarinetto o un dj set siamo stati in grado di far sorridere i nostri e i volti degli altri, seppur solo per pochi minuti, abbiamo vinto.
Tradotto in italiano significa “ci pieghiamo ma non ci spezziamo”.

Io personalmente facendo il dj faccio il mio.
In quell’ora di musica che ogni weekend trasmetto sui miei canali social oltre a svuotare la mia di mente da ogni maledetto pensiero inerente a questo virus, penso e spero di regalare a tutti coloro che si sintonizzano un’ora di svago, di piacere e perché no, anche di follia.

I principali motivi che mi hanno spinto a fare queste dirette sono stati 2, la voglia di poter onorare le vittime di questa pandemia e la gioia di regalare a tutti i followers del nostro concetto musicale che da casa sono in attesa della libertà quello che amano di più, ovvero la musica.

Non mi era mai capitato di suonare “virtualmente”, ma la differenza è stata nulla rispetto ad un palco e una pista piena di gente.
Un pò come quando si indossano gli occhiali per la realtà virtuale; si entra in un mood dove la mia camera fa da palco e lo schermo del telefono diventa un'enorme pista piena di gente “positiva”, ma non al virus, bensì alla vita.
Questa cosa credo sia bellissima, oltre che un ottimo gin tonic per lo stato d’animo.

Ne usciremo da questo periodo, altroché se ne usciremo.
Saremo anche persone migliori, perché avremo capito quali sono davvero le cose essenziali nella vita.

Seguilo su IG

“Ma sopratutto avremo la consapevolezza che siamo tutti dannatamente uguali.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *