parallax background

#Iostoacasa per ricordarmi di me

Nel mondo dovrebbero esserci più ragazze del quarto piano
Marzo 11, 2020
Ognuno ha la sua via di fuga
Ognuno ha la sua via di fuga
Marzo 12, 2020

#Iostoacasa per ricordarmi di me

di Olga Vaccaro
P artiamo da una premessa semplice semplice: io sono una persona ansiosa. Io faccio liste di tutto:
della spesa, delle incombenze da svolgere durante la giornata,
delle telefonate da fare, delle pratiche di lavoro da chiudere.
Io programmo.
Programmo pranzi e cene, uscite, viaggi, concerti,
nuovi dischi da ascoltare.

Mi infastidisce se qualcuno è in ritardo, se devo cambiare i miei piani, se succede un imprevisto.
Non penso che l’ansia sia solo un mio problema, in questa epoca di forsennati in cui se qualcuno al semaforo non parte subito appena scatta il verde è automaticamente uno stronzo che non c’ha nulla da fare nella vita mentre io mi devo muovere devo andare di corsa perché c’è chi mi aspetta e poi ho l’appuntamento e se salta… E se salta?

Coronavirus.
Quarantena.

Un mix letale per me che in questo periodo sto anche cambiando lavoro e quindi sono in ferie.
Ferie
chiusa
a
casa.


E mò che faccio una settimana chiusa a casa da sola? Il tempo non passerà mai.
Mentre rimuginavo tra me e me pensieri di noia e depressione, sono finita nella mia sala dove dal balcone entrava un ultimo raggio di sole prima del tramonto, alla fine di una giornata calda di inizio primavera.
Un bel raggio di sole, un fascio di luce limpido e tagliente che è andato dritto dritto a colpire la polvere sul piatto del mio giradischi.

La polvere sul mio giradischi??

Scusa Olga ma da quanto tempo è che non metti su un disco, ascolti (non “senti” ma “ascolti”) una canzone ferma e in pace e non mentre stai facendo altro?
Da quanto tempo vegeta sul tuo comodino quel libro sui Joy Division? A quando risale l’ultimo aggiornamento del tuo amatissimo blog?

Settimane.
Mesi.

Nella furia di questo ultimo periodo, presa a soddisfare aspettative mie e altrui, cercando di raggiungere un obiettivo che mi sembrava ad un passo eppure lontanissimo, ingabbiata dai fili delle cose da fare e impegnata a programmare ogni minima cosa per risparmiare tempo...io mi sono dimenticata di me.

Ho pensato quindi che questi giorni regalati forzatamente da un evento grave, globale e che fa paura, non sarebbero stati giorni persi ma, appunto, regalati. Da me e per me.
Ho fatto una crostata, ho piantato dei germogli, ho chiamato l’amica che non sentivo da mesi, ho addirittura fatto una video chiamata con i miei in terronia (“Si mamma, no mà stai tranquilla che mica c’è la guerra civile...si ho fatto la spesa...mangio mangio non sono sciupata”)
Ho pulito il giradischi e ci ho fatto andare il vinile della PFM che mia madre mi ha comprato in un mercatino di dischi usati e che non avevo ancora mai aperto.
Ho ascoltato con attenzione gli ultimi 2 singoli dei Pearl Jam e anche qualche canzone di Sanremo (per non farmi mancare nulla dell’italico orgoglio) e, sopratutto, mi sono abbuffata dei documentari di musica di Rai 5.
Io amo i documentari a tema musica ma nella programmazione settimanale sono sempre previsti in seconda o terza serata e a me, alla fine, cala la palpebra. Ne approfitto ora, passando con disinvoltura da Faber ai Pink Floyd, da Gaber a Freddie Mercury da Enzo Avitabile a David Bowie.
Ce n’è per tutti i gusti: musica classica, rock, italiana, straniera.

La musica è la mia passione e ho deciso di usarla come strumento di arricchimento personale e di rilassamento mentale, per tirare il fiato nell’attesa che tutto ritorni come prima, ma anche diverso.
Con la speranza che #Iostoacasa non sia solo il motto che caratterizza queste giornate buie, ma un moto dell’anima, dove casa sono io, le cose che mi piacciono, le persone che amo e che non posso più permettermi di trascurare ma che vanno curate come le 4 mura in cui vivo o come i germogli che ho piantato ieri. Per ricordarmi che la vita ricomincerà, frenetica come sempre, ma mai più ci sarà la necessità di un dramma, di una pandemia, di una paura, per ricordarmi di posare lo sguardo su quello che davvero vale.
#iostaacasa e guardo Rai5 su Raiplay

Rai5

#andràtuttobene

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *